Vierç il menù principâl

Aneu Seneche, sorenominât il vieli e retor (par latin Annaeus Seneca Maior o Retor; Cordove, atôr dal 56 p.d.C. - Rome, atôr dal 40 d.d.C.) fo un retor e storic roman antîc.

BiografieModifiche

Nassût a Cordove atôr dal 56 p.d.C., daspò la bataie di Filipos (42) al lè a Rome, là che al scoltà i oratôrs plui impuartants dal timp e là che si stabilì defeinitivementri atôr dal 5 p.d.C. e po al murì, atôr dal 40 d.d.C..

Dai trê fis che i dè la femine, un jere Seneche il grant filosof e un altri Aneu Novât, il pari dal innomenât poete Lucan.

Lis oparisModifiche

Al scrivè une storie di Rome antighe, scomençant dal timp dai Gracs, che no si azardà mai a publicâ, par vie che no e jere propite in linie cu lis posizions dal regjim; però a dâi la innomine a forin lis oparis di retoriche, lis Suasoriae e lis Controversiae, che al scrivè ancje se nol fasè mai il mistîr di oratôr, ripuartant orazions che al veve let o sintût. Stant che il timp de republiche jere aromai finît, no 'nd' si cjate une scrite par disputis politichis ma dome esercizis su situazions inventadis e tiradis fûr a pueste par meti sù i discors. A son ancje câs propite strans, lambicâts e romanzescs, come chel di un soldât mutilât che, tornât a cjase di une spedizion militâr, al cuche la femine cuntun altri e al pense ben di comandâ al fi di copâle. Stant che il compiladôr cirive di restâ fidêl a chel che a vevin dit i diviers retors e che al veve une buine memorie, i stîi des orazions a son unevore diviers, ancje se ducj asians e impressionantementri stonfâts di un vîf gust pal orit, seont la mode di chê volte.

BibliografieModifiche

  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Bologne, Sansoni, 1957
  • Paolo Fedeli, Storia letteraria di Roma, Napoli, Ferraro, 2004

Leams esternisModifiche