Orazi: diferencis tra lis versions

Nessun cambiamento nella dimensione ,  2 agns indaûr
Etichetis: Modifiche da mobil Modifiche dal web pal mobil
Etichetis: Modifiche da mobil Modifiche dal web pal mobil
==Il spirt dal poete e il stîl de poesie==
[[File:Wenceslas Hollar - Moderation (State 1).jpg|thumb|240px|Ve une [[alegorie]] dal sintiment che al dîs Orazi: nol è miôr contentâsi di bevi planc a planc di une biele [[fontane|fontanute]] che no riscjâ di colâ jù e di inneâ par lâ a scjafoiâsi di [[aghe]] intune [[flumere]] insiliose?]]
Il temperament di Orazi jere in sostance amant de cuiete e solitari: il so ideâl di [[vite]] jere chel di un vivi cuiet par jessi seren, seont il pinsîr dai [[stoicisim|stoics]] e dai [[epicureisim|epicureus]], che al spartive cun convinciment, e chel che i veve insegnât la sangagnose esperience des [[vuere civîl|vueris civîls]]. Chest vul dî che al lave daûr di une serenitât di [[vite]] che lu faseve suspietâ des passions masse vivarosis che a sconzortin e a scjassin lis [[dì]]s dai [[omp]]s, simpri ducj cjapâts a cirî di otignî chest o chel altri che no a àn invezit di contentâsi di chel che a àn za: lui al veve miôr doprâ la [[moderazion]], che lu parave dai pericui dai fogôrs e i permeteve di gjoldi dai plasês che al veve, invezit di stramudâju in malcuietece cul lâ daûr di altris robis, stant che al è simpri miôr jessi avonde par se stes che no dipindi dal esterni. Sichè tes [[poesie|poesiis]] al dismuele e al stanze ducj i slançs passionâi, vint miôr (diviers di [[Catul]]) une judiziose e ecuilibrade prudence che no la plenece des emozions (al disè lui di jessi ''irasci celerem, tamen ut placabilis essem'', vadì ''un che si inrabie a colp, ma dome par po calmâsi''), vint miôr (diviers di [[Catul]]) une judiziose e ecuilibrade prudence che no la plenece des emozions. Paraltri, stant che al ere un [[poete]], al crodeve di vê di dâ ai altris un model di [[vite]]: si sintive di vê propite la responsabilitât di doprâ sintiment e cussì al finive par sfumâ i impits cuntun sutîl velut di [[ironie]] o cuntun savôr di pulide [[malincunie]]. Cussì la sô [[poesie]], clare e lampide e metude sù cuntune capacitât straordenarie di paronâ i [[viers]] e cuntune cure certosine e finissime pai detais (chest jal veve stramandât la formazion [[elenisim|elenistiche]]), par jessi controlade e cui slançs che a lavin simpri di sbris, judiziose e prudente come lui, jere unevore divierse di chê dai [[poete|poetis]] [[liriche|lirichis]] che al cjapave a model, come i fogôs [[Alceu]], [[Saf]] e [[Anacreont]], che di lôr al veve supât il gust pal [[slis]] e pal [[colôr]] ma no la plenece des emozions.
 
==Lis oparis==
2 841

contributi