Vierç il menù principâl

BiografieModifiche

La prime formazionModifiche

Stant che Orazi al è, di ducj i poetis latins, chel che al parave dentri plui autobiografie tai siei viers, de sô vite o vin tantis informazions.

Al nassè tal 65 p.d.C. a Venose, in Lucanie, di un libert, che, no cate che no a jerin siorons, al fasè di dut par fâlu studià cui mestris miôrs: te citât là che al jere nât, po a Rome cun Orbili, l'inomenât gramatic che al sfuarçave i rilêfs a parâ jù la aromai rangide Odissee di Livi Andronîc a sun di stafiladis, a Napoli cul filosof epicureu Siron e ancje a Atene; chi, za compenetrât di elenisim, si metè a lei la liriche greghe arcaiche e a studiâ la filosofie e al cjatà un gnûf amì, Brût, che, daspò vê scurtisât a muart Juli Cesar cui altris conzurâts, al jere daûr a organizâ la vuere cuintri Otavian e Marc Antoni, profitant de ocasion par frecuentâ lessons di filosofie. A Orazi, di salt republican che al jere in chê volte, Cesar e i cesarians no lu convincevin par nuie, al pensà ben di lâ a combati cun lui te bataie di Filipos, tal 42, fasint di tribun militâr; a forin sdramassâts e, come che al conte propite lui, Orazi salvà la ghirbe dome scjampant vie a gjambis puartaitmi, come che a vevin fat prin di lui Archiloc e Alceu. L'amâr de grande delusion politiche e morâl lu leà ancjemò di plui al epicureisim, che 'nd' veve za supât un grum cuant che al jere in Campanie, là che a filosofavin chei dal circul di Filoden di Gadare; di chel amâr nol rivà mai a disfâsi e difat no lu bandonà mai un ciert abatiment e malincûr, che a vignivin fûr a periodis.

I incuintris gjovevui a Rome e il sucesModifiche

Finide la vuere civîl, si veve di paiâ chei che le vevin combatude e a Orazi i puartarin vie i bens dal pari, cussì par campâle si metè a fâ il secretari pe cuesture, fin che, vignût amì di Virgili e Vari Rûf, chescj tal 38 p.d.C. lu presentarin a Mecenât, che, conseîr di August, jere il plui influent dai protetôrs di leterâts: cul timp, al fasè tele ancje cun lui, che lu tirà dentri dal so circul leterari (si cjatà tant ben che al vignì il centri di chel zîr di poetis), e po ben dal princip. Aromai avonde ric e sigûr, par vie dai amìs possents, al molà vore, vint miôr avodâsi dut ae poesie e gjoldisi la pâs dal mâs in Sabine che lu veve regalât Mecenât, là che al podeve respirâ la cuiete che no i concedeve la frenetiche e indafarade Rome, ma cence rivâ mai a parâ vie chel so sutîl ma ustinât lancûr. Al continuà a fâ su e jù fin al 8 p.d.C., cuant che di fermâlu a Rome e viodè la muart; al lassà dut ce che al veve a August e al fo infossât dongje di Mecenât.

Il spirt dal poete e il stîl de poesieModifiche

 
Ve une alegorie dal sintiment che al dîs Orazi: nol è miôr contentâsi di bevi planc a planc di une biele fontanute che no riscjâ di colâ jù e di inneâ par lâ a scjafoiâsi di aghe intune flumere insiliose?

Il temperament di Orazi jere in sostance amant de cuiete e solitari: il so ideâl di vite jere chel di un vivi cuiet par jessi seren, seont il pinsîr dai stoics e dai epicureus, che al spartive cun convinciment, e chel che i veve insegnât la sangagnose esperience des vueris civîls. Chest vul dî che al lave daûr di une serenitât di vite che lu faseve suspietâ des passions masse vivarosis che a sconzortin e a scjassin lis dìs dai omps, simpri ducj cjapâts a cirî di otignî chest o chel altri che no a àn invezit di contentâsi di chel che a àn za: lui al veve miôr doprâ la moderazion, che lu parave dai pericui dai fogôrs e i permeteve di gjoldi dai plasês che al veve, invezit di stramudâju in malcuietece cul lâ daûr di altris robis, stant che al è simpri miôr jessi avonde par se stes che no dipindi dal esterni. Sichè tes poesiis al dismuele e al stanze ducj i slançs passionâi (al disè lui di jessi irasci celerem, tamen ut placabilis essem, vadì un che si inrabie a colp, ma dome par po calmâsi), vint miôr (diviers di Catul) une judiziose e ecuilibrade prudence che no la plenece des emozions. Paraltri, stant che al ere un poete, al crodeve di vê di dâ ai altris un model di vite: si sintive di vê propite la responsabilitât di doprâ sintiment e cussì al finive par sfumâ i impits cuntun sutîl velut di ironie o cuntun savôr di pulide malincunie. Cussì la sô poesie, clare e lampide e metude sù cuntune capacitât straordenarie di paronâ i viers e cuntune cure certosine e finissime pai detais (chest jal veve stramandât la formazion elenistiche), par jessi controlade e cui slançs che a lavin simpri di sbris, judiziose e prudente come lui, jere unevore divierse di chê dai poetis lirichis che al cjapave a model, come i fogôs Alceu, Saf e Anacreont, che di lôr al veve supât il gust pal slis e pal colôr ma no la plenece des emozions.

Lis oparisModifiche

Orazi al scrivè

La figureModifiche

Stant a chel che al conte lui, al veve i voi sgarbelôs e al jere scûr di piel, blanc di cjavei ancje cuant che nol jere ancjemò masse vecjo, tarondin e bas.

BibliografieModifiche

  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Bologne, Sansoni, 1957
  • Paolo Fedeli, Storia letteraria di Roma, Napoli, Ferraro, 2004
  • Orazi, Le lettere, Milan, Fabbri, 2001

Leams esternisModifiche