Marc Furi Bibacul (par latin Marcus Furius Bubaculus; Cremone, 103 p.d.C. - I secul p.d.C.) fo un poete roman antîc.

La poesieModifiche

L'antîc studiôs Diomêt nus sigure che al scrivè sataris, ma al dis il stes di Catul, che no lu fasè dal ciert: al varà volût ripuartâsi ai siei epigrams pôc delicâts, là che al le jù pesant cuintri di Juli Cesar, di August, che propite no i nasave, e dal amì Valeri Caton, che al menave atôr parcè che nol veve un bec di carantan; si viôt bel il caratar privât de poesie dai cussì nomenâts poetis gnûfs, che lui al jere un di lôr. Ancje se al jere tal circul, forsit nol rinunzià a poetâ cuntun gust difarent di chel propite tipic di lôr: se al è ver che lui e un ciert Furi Alpin jerin l'istes cristian, che no o sin sigûrs, al fo autôr di doi poems, la Aethiopis, di mitologjie, e lis Pragmatia belli Gallici, su la vuere cuintri i Gals.

BibliografieModifiche

  • Paolo Fedeli, Storia letteraria di Roma, Napoli, Ferraro, 2004
  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Bologne, Sansoni, 1957

Leams esternisModifiche