Tît Calpurni Sicul (par latin Titus Calpurnius Siculus; I secul) fo un poete roman antîc.

La viteModifiche

Il non Sicul podarès volê dî che al nassè in Sicilie, ma al podarès ancje rapuartâsi al stîl de sô poesie, chel bucolic, che si inspirave a chê dal siracusan Teocrit. O savìn che al vivè sot Neron, parcè che tai siei viers lu incense ben.

La poesieModifiche

Il stîlModifiche

Calpurni tire fûr la vecje poesie bucoliche di Virgili, coerent cu la recuperazion dal classic dal timp di August che si cirive di fâ al timp di Neron, che lui al incensà tes sôs egloghis. Dal periodi di Neron al supave ancje il patetisim, che lu uçave a cjantâ l'amôr in maniere sintimentâl e no dome pal martueri che al dà, come al faseve Virgili, e il gust pai colôrs vîfs, che lu svicinave plui che a Virgili a Teocrit, che come lui i plaseve dipenzi piçui particulârs (Virgili invezit al veve miôr sugerî).

Lis oparisModifiche

Al scrivè une ricolte di siet egloghis, cuntun implant che al somee inspirât aes Georgichis di Virgili. No si sa ben se tribuî a lui un altri pâr di egloghis, che a àn il so stîl patetic e vîf di colôrs, e une Laus Pisonis (Laut di Pison), là che va a cirî in chest Pison, che forsit al è chel che po al tramà par copâ Neron, un protetôr.

BibliografieModifiche

  • Paolo Fedeli, Storia letteraria di Roma, Napoli, Ferraro, 2004
  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Bologne, Sansoni, 1957

Leams esternisModifiche